lunedì 17 novembre 2014

Tutta colpa dei genitori


"I figli di oggi sono i genitori di domani, i genitori di oggi sono i figli di ieri". Frase davvero scontata, ma infinitamente vera. E' da un po' che voglio scrivere qualcosa su quest'argomento ma per un motivo o per un altro non l'ho mai fatto. Principalmente (e paradossalmente), nonostante io non abbia più un lavoro, in questi giorni non sto avendo un secondo libero neanche a pagarlo oro. Ma come promesso dopo l'estate, mi impegno a scrivere un po' di più sul blog.

L'altro giorno ho scoperto una verità sconcertante, e cioè che gli insegnanti (sicuramente le per scuole elementari e medie) non possono lasciare andare i propri alunni da soli a casa, ma devono OBBLIGATORIAMENTE consegnare ogni alunno ad un genitore o un parente. Nel caso in cui succeda qualcosa al ragazzo che torna a casa da solo, la responsabilità è totalmente dell'insegnante che l'ha lasciato andare via da solo e ne paga le conseguenze a livello penale. So che ci sono stati, per certo, casi in cui insegnanti sono stati denunciati dai genitori perché è successo qualcosa al proprio figlio/studente, tornando a casa da solo.

E' difficile per me mettere insieme delle frasi di senso compiuto senza sparare a zero su tutto e tutti, in quanto questo è un argomento che mi fa scaldare non poco. Trovo che tutto questo sia assurdo e completamente ridicolo! E' vero che la società è cambiata, è vero che ci sono tanti pericoli, è vero tutto ciò che volete sia vero, ma arrivare all'assurdo è scandalosamente controproducente per i ragazzi che crescono con una concezione di giusto e sbagliato completamente errata.


Nella mia famiglia ci sono molte persone che insegnano nella scuola elementare e media, e vivo sulla mia pelle (ogni giorno) dei racconti davvero raccapriccianti. Non dico che fare il genitore sia facile, ma affermo fermamente che i genitori di oggi stanno rovinando i ragazzi di oggi.

"Prendi un brutto voto...è colpa dell'insegnante!" - "L'insegnante ti sgrida perché non hai fatto i compiti...colpa dello stesso che li ha sovraccaricati di lavoro." - "Il bambino/ragazzo va male a scuola...cambiamolo di sezione perché è colpa degli insegnanti" - "Il bambino ha preso uno schiaffo durante la ricreazione da un compagno...denunciamo l'insegnante che non ha saputo badare a loro".


Come si può sperare che questi ragazzi, una volta diventati adulti, capiscano e ammettano i propri errori se non gli vene data la possibilità di sbagliare, e soprattutto gli si fa credere di non sbagliare mai?

Potrei scrivere un libro intero su quanto penso che i genitori di oggi stiano facendo del male ai proprio figli iperproteggendoli in questo e in tanti altri modi, potrei parlare di telefonini dati a ragazzini di 6 anni, di ragazzini che non giocano più a pallone in mezzo ad una strada, di social network e scarsa educazione ad internet, di scarsa educazione in generale...ma per ora mi fermo qui.

Come al solito, fatemi sapere che ne pensate anche voi.
Andrea

8 commenti:

  1. PIENAMENTE D'ACCORDO CON TE !!!
    SIMONE
    www.manthroughclothes.blogspot.com

    RispondiElimina
  2. La penso esattamente come te.
    Ora non si può manco più tirare una sana sberla che ti entra il padre coi suoi scagnozzi e ti fa pestare. Per piacere.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non parlo di sberle, il problema è che non puoi neanche permetterti di sgridarlo che succede il finimondo. :S

      Elimina
    2. Sì, io ho citato il caso limite. Un tempo, oltre alle sberle della maestra, ci prendevi anche quelle dei genitori, dopo^^

      Moz-

      Elimina
    3. "Famoserrima" citazione quando uscivo di casa:"Se ti fai male quando torni ti do il resto!" ahahhahahahaha

      Elimina
  3. Concordo in pieno, si sta dando vita a intere future generazioni di gente che non saprà mai prendersi le proprie responsabilità perché non insegnate dai genitori stessi sempre pronti a fare la colpa all'insegnante di turno o all'adulto di turno, invece che rimboccarsi le maniche ed educare é responsabilizzare (naturalmente a seconda dell'età e delle possibilità) il bambino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero cambi prima o poi la situazione!

      Elimina